Stante i tempi che corrono

Il soldato Benedetto Ciabatti, classe 1880, fu catturato dagli austriaci sul fronte Veneto, sul Monte Mayo, nella primavera del 1917. Fu portato a Trento, poi nel campo di concentramento di Sigmundsherberg, in Austria e infine in Ungheria, dove rimase oltre un anno. Annotò le sue disavventure in un diario, rimasto inedito fino ad oggi.

Il regista Leandro Giribaldi, suo pronipote, a distanza di cent’anni ha ripercorsogli stessi luoghi, in un documentario che esplora avvenimenti poco conosciuti della prima guerra mondiale – la sorte dei prigionieri di guerra- in un dialogo continuo fra passato e presente.

Il viaggio


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *